·

Educazione e Scuola

Un codice etico per le candidature a rappresentanti d’istituto al Liceo Campanella

Paolo Emanuele · 5 anni fa

Svolgere la campagna elettorale con correttezza e trasparenza, non cumulare incarichi, adottare le misure più opportune per evitare “conflitti di interesse” tra la funzione che si ricopre e l’andamento scolastico. Questi alcuni dei punti centrali del codice etico sottoscritto questa mattina da tutti i candidati delle tre liste per le elezioni del comitato studentesco del Liceo “Campanella” che si svolgeranno lunedì prossimo 27 ottobre. I 4 eletti rappresenteranno gli studenti nel Consiglio d’Istituto, l’organo collegiale in cui sono rappresentate le diverse figure che vivono e operano all’interno della comunità scolastica. Fare della scuola un laboratorio di “buona politica”, vivere le elezioni dei rappresentanti degli studenti come un’occasione per fare esperienza di democrazia e partecipazione dal basso: queste le finalità del codice etico voluto dal dirigente Giovanni Martello ed elaborato dai docenti del settore “funzione strumentale”, frutto di un percorso di discussione e confronto con gli studenti guidato dalle docenti Michela Cimmino e Ivana Zaffina. Tra i requisiti previsti dal codice etico, i candidati a rappresentanti di istituto non devono aver ricevuto ammonizioni, sospensioni e note negli ultimi tre anni scolastici. “Il codice etico – spiega la docente Michela Cimmino – non è un simbolo, ma il segnale di una scuola che vuole formare alla politica, nel valore più alto di questa parola. In tempi in cui è in crisi il ruolo dei partiti e il valore della rappresentanza, come docenti sentiamo il dovere di farci “sentinelle” di un’etica pubblica che deve contraddistinguerci come insegnanti e che dobbiamo trasmettere agli studenti con i nostri stessi comportamenti”. Le elezioni del comitato studentesco – conclude la Cimmino – “rappresentano in piccolo una prima esperienza di impegno civico per i nostri ragazzi che, sottoscrivendo il codice etico, assumono precisi impegni di fronte a tutta la comunità scolastica e riscoprono l’importanza di valori come la lealtà e la credibilità, valori di cui la politica a tutti i livelli deve riappropriarsi per riallacciare un legame con la gente. La cattiva politica non si combatte con l’antipolitica, ma con un impegno formativo all’etica e alla moralità pubblica che inizia dalla scuola e che ci deve vedere protagonisti in prima persona”.