·

Notizie

Curinga - FIDAPA: insieme nella “Notte delle candele”

Paolo Emanuele · 5 anni fa

La Cerimonia delle Candele rappresenta il momento più alto dell’anno sociale, quest’anno in maniera particolare nell’85° dalla nascita della FIDAPA , simboleggia l’unione di tutte le donne, in ogni parte del mondo; quella luce particolare che l’universo femminile sa esprimere nella cura, nel sostegno, nella cooperazione.

Insieme nella notte delle candele le sezioni di Lamezia Terme, Curinga-Acconia, Maida, Amantea hanno voluto vivere questo momento magico all’insegna della più sincera amicizia. Oltre alle delegazioni ufficiali sono intervenute tante altre sezioni tra le quali ricordiamo volentieri: Vibo Valentia, Soverato, Catanzaro che hanno condiviso l’emozione dello stare insieme e, del sentirsi unite alle tante altre sezioni sparse in Italia e nel mondo.

Le presidenti, per Lamezia Terme:Luciana Parlati, per Curinga-Acconia: Caterina Gimigliano, per Maida: Oskana Korchuk ,per Amantea: Anna Magnone,hanno accolto con entusiasmo e affetto la presidente nazionaleAnna Di Domenico Lamarca e laPresidente Distrettuale Angiola Infantino, che nella loro intervento hanno ricordato quanto la FIDAPA, associazione di donne, guarda e promuove la donna in tutte le sue sfaccettature e potenzialità, contribuendo in maniera concreta allo sviluppo armonico della società.

La Cerimonia è carica di rappresentazioni simboliche: la candela più alta bianca simboleggia la Federazione Internazionale; bianche, raggruppate, ma più corte, sono quelle riferite alle sei nazioni fondatrici della IFBPW: Stati Uniti d'America, Italia, Austria, Canada, Francia, Regno Unito. Trentadue candele bianche rispecchiano altrettante Federazioni nazionali e tre Federazioni-Stato. Blu sono, invece, le candele che rappresentano i quarantotto club associati presenti in nazioni non federate. Candele rosa simboleggiano membri individuali come l'Arabia Saudita, la Malesia, la Slovacchia, la Tunisia. Per ultima la candela verde, emblema della speranza e dell'avvenire, accesa dalla socia più giovane della sezione.

La serata è proseguita con uno applauditissimo intermezzo musicale proposto dal quartetto "HARMONY LINK",nel quale i tre violini ed il piano, ci hanno deliziato con brani tratti dalle più belle colonne sonore di film famosi e brani della tradizione musicale internazionale.

Ultimo momento importante quello dello stare insieme a tavola, dove i rapporti si intrecciano e la condivisione diventa armonia.

Ottantacinque ma non li dimostra, 85 anni di realtà che sono cambiate, che si sono evolute, 85 che sono stati piene di sfide, ma che hanno avuto ed avranno come punto di riferimento, la donna e il suo particolare modo di guardare ed affrontare la realtà.

Per chiudere, una frase di Rita Levi Montalcini , riportata nell’elegante invito che l’associazione ha realizzato per l’occasione :

“Le Donne che hanno cambiato il mondo, non hanno mai avuto bisogno di “mostrare” nulla, se non la loro intelligenza”.

Cesare Natale Cesareo