·

Movimenti e Associazioni

LAMEZIA: CENTRO DEL MOVIMENTO DEI FOCOLARI PER LA CALABRIA

Redazione · 5 anni fa

LAMEZIA: CENTRO DEL MOVIMENTO DEI FOCOLARI PER LA CALABRIA

“A Trento, nel 1944, noi, prime focolarine, rimaste in città mentre le nostre famiglie sfollavano, correndo nei rifugi potevamo portare solo un piccolo libro, il Vangelo. Lì, consapevoli che ogni nostro incontro poteva essere l’ultimo, abbiamo cercato -tra sogni che la guerra frantumava, spezzando vite, facendo crollare le case – l’Ideale che non crolla per il quale valeva la pena di spendere la propria vita; e ci si è rivelato Dio Amore; Amore perché Trinità di persone che si amano, e alla cui comunione d’Amore siamo chiamati tutti noi…….. E rispondendo così all’amore di Dio, amando gli uomini, abbiamo dato vita ad una comunità cittadina, nella quale l’amore evangelico trovava soluzioni al problema sociale. Stava nascendo un Movimento religioso sorretto da un carisma che l’avrebbe portato a realizzare il “ sogno d’un Dio, come dicono i nostri giovani: l’Unità.”

Così Chiara Lubich, nata a Trento nel gennaio del 1920, ha dato inizio nel 1943 ad un vasto Movimento di Spiritualità che ha trovato una risonanza straordinaria in tutto il mondo. Fra uomini e donne di diversa estrazione sociale, politica, religiosa, sposati e non, laici, sacerdoti e religiosi e anche tra i giovani. è il Movimento dei Focolari, il cui programma è contribuire ad attuare con una testimonianza personale e comunitaria, al di là di ogni barriera di razza, di nazione e di posizioni sociali ed umane, quell’Unità che Gesù ha chiesto al Padre prima di morire. Fin dall’inizio della sua avventura spirituale il suo sguardo e il suo cuore erano mossi da un amore universale, capace di abbracciare tutti gli uomini al di là di ogni differenza. Nella società mondializzata ha saputo indicare la via della fraternità. “Ecco la grande attrattiva del tempo moderno: penetrare nella più alta contemplazione e rimanere mescolati fra tutti, uomo accanto ad uomo”. è questo un concetto caro e centrale nel pensiero e nella mistica di Chiara Lubich; è così che ha tracciato una via di santità praticabile da chiunque, non riservata a pochi eletti, si è profusa perché tante persone si avviassero su questa strada di santità. Mirava ad una santità collettiva, una santità di popolo.

Ci sono momenti fondanti nella storia del movimento dei focolari, uno è sicuramente il 1943, quando Chiara dona la sua vita a Dio, considerato l’atto di nascita del movimento o il 1944, quando, come su già citato, Trento subì un bombardamento e Chiara decide di restare con le prime compagne, fu la scelta decisiva da cui nacque il tutto. Chiara e le altre ragazze vivendo il vangelo giorno per giorno hanno l’impressione che Gesù realizzi fra loro la sua promessa “dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo loro”. Ecco il focolare: espressione di questa Presenza che diventa cuore della Comunità.

Altro momento significativo è quando Chiara incontra l’on. Igino Giordani, giornalista, scrittore, punto di riferimento per i giovani cattolici del dopoguerra. L’abbraccio con questo nuovo Ideale, da parte di Giordani, sarà straordinariamente fecondo, tanto da essere definito da Chiara stessa “cofondatore dei Focolari”. Questa spiritualità è diventata nel tempo una spiritualità di popolo, capace di diffondersi in tutto il mondo, non solo tra i cattolici ma anche tra cristiani di altre chiese, tra i fedeli di altre religioni, tra uomini di buona volontà tra tutte le persone che aspirano ad un mondo unito,tra milioni di persone, presenti ora in 184 nazioni. Unito anche sin dai primi tempi da un foglietto contenente un commento teologico-spirituale ad una frase compiuta del Vangelo, scelta da meditare e vivere periodo per periodo, è la ormai nota Parola di Vita, ora stampata in oltre 3 milioni e cinquecentomila copie in 95 lingue o idiomi e viene trasmessa da numerose radio televisioni in tutto il mondo.

Chiara Lubich è scomparsa il 14 marzo del 2008. La presidente attuale è Maria Voce, è stata lei a chiedere l’avvio della causa di beatificazione il 7 dicembre del 2013, così il 27 gennaio 2015,il vescovo Martinelli nella cattedrale di Frascati, Roma, ha ufficialmente aperto la causa di beatificazione e canonizzazione, e in quella occasione, Papa Francesco ha voluto farsi presente tramite un messaggio che tra l’altro “esorta a far conoscere al popolo di Dio la vita e le opere di colei che, accogliendo l’invito del Signore, ha acceso per la Chiesa una nuova luce sul cammino verso l’Unità”.

Oggi, sparso in tutto il mondo, il Movimento dei Focolari è presente anche in Calabria.

I Centri di riferimento, dopo essere stati a Catanzaro e Reggio Calabria ora hanno la loro sede a Lamezia Terme.

Francesco Bonadio