·

Cultura e Società

Presentato cartellone Lamezia Summertime 2015, dal 1° agosto al 14 novembre

Paolo Emanuele · 4 anni fa

Presentato presso la Sala Napolitano del Comune di Lamezia Terme il cartellone di Lamezia Summertime 2015. Il Progetto, che rappresenta ormai una esperienza storicizzata nella Città della Piana, è realizzato dal Comune di Lamezia Terme in collaborazione con Arci e Canterini Nicastresi, in qualità di partner di progetto, ed è finanziato dalla Regione Calabria nell’ambito del POR Calabria FESR 2007/2013, Asse V - Risorse Naturali, Culturali e Turismo Sostenibile, Progetto integrato di sviluppo regionale “Eventi Culturali”. Ma veniamo ai numeri di Lamezia Summertime 2015.

130 mila euro il finanziamento complessivo, di cui 83 mila euro provenienti da fondi Por, 32 mila euro finanziati dal Comune di Lamezia Terme, 14 mila euro dagli enti organizzativi. Il prodotto: 4 spettacoli teatrali all’Abbazia Benedettina, per la sezione <<“TeatrOltre”: il Teatro Ritrovato>>, con la direzione artistica di Nico Morelli e Walter Vasta, dell’Associazione Culturale “I Vacantusi” di Lamezia Terme; 4 spettacoli teatrali per la sezione <<“TeatrOltre”: Vetrina di Teatro Ragazzi>>, dal 23 ottobre al 14 novembre (spettacoli ancora in via di definizione), con la direzione artistica di Pierpaolo Bonaccurso, di TeatroP; il Gran galà internazionale di danze popolari “Gente con Gente”, con la direzione artistica di Umberto Ferrari; 18 proiezioni cinematografiche per la rassegna “Cinema e Cinema”, a cura di Arci Lamezia Terme/Vibo Valentia, sotto la direzione artistica di Ivan Falvo D’Urso. Ma andiamo nei dettagli.

Ad aprire il cartellone Lamezia Summertime 2015 nella suggestiva location dell’Abbazia Benedettina (con servizio navetta A/R, che attraverserà i tre Centri per portare gli utenti all’Abbazia), Gianfranco Jannuzzo e Debora Caprioglio, con la presentazione il 1° agosto, con inizio alle ore 21:00, dello spettacolo teatrale “Lei è ricca, la sposo e l’ammazzo”, per la regia di Patrick Rossi Gastaldi (dalla scheda dello spettacolo, ne riportiamo la trama. “Divertente commedia liberamente ispirata al celebre film del 1971 di Elaine May con Walter Matthau, e al racconto di Jack Richtie. Un ricco scapolo ha scialacquato tutti i soldi lasciatigli in eredità dal padre. Arrivato alla bancarotta è costretto a farsi prestare del denaro da un mafioso, a condizioni decisamente svantaggiose, per riuscire a far innamorare di sé una donna che sia però ricca e sola. Piuttosto che passare il resto della sua vita in miseria Henry è disposto a rinunciare alla sua vita di scapolo, ma solo temporaneamente. Il suo piano infatti è quello di sposarla, ucciderla, ereditare e ricominciare a godersi la vita come aveva fatto fino a quel momento. Nasce così una anomala e divertente storia d’amore tra l’ex milionario spiantato ed una ricca, ma goffa ereditiera appassionata di insetti, che si potrà uccidere o amare… Una inedita coppia di attori in scena per regalare al pubblico novanta minuti all’insegna del buonumore!”).

Seguiranno, sempre all’Abbazia Benedettina: sabato 8 agosto “Non sono un gigolò”, con Sasà Palumbo; giovedì 13 agosto “Tutto in uno show? Ci può stare!”, con Salvatore Gisonna (Made in Sud, Rai 2); giovedì 20 agosto “Maledetto Peter Pan”, con Michela Andreozzi.

Per ciò che riguarda <<“TeatrOltre”: Vetrina di Teatro Ragazzi>>, i 4 spettacoli si svolgeranno dal 23 ottobre al 14 novembre, con matinèè al Teatro Grandinetti per le scuole primarie e secondarie del territorio lametino.

Quest’anno al Gran galà internazionale di danze popolari “Gente con Gente” –martedì 4 agosto, ore 21:00-, presentato dalla giornalista Ketty Riolo, calcheranno il palcoscenico di Corso Numistrano i seguenti Gruppi internazionali: l’Argentina, con la “Compania Argentina de danzas <>” (30 elementi), con un ampio panorama di danze coreografiche di tradizione; le Hawaii, con la <> (24 elementi), con un repertorio che va dalle danze magiche della Nuova Zelanda all’emozionante e pulsante ritmo di Tahiti, fino alle danze autentiche delle isole Fiji e Samoa; la Repubblica Kabardino Balkarie (ex URSS), con la “Ensemble National Balkarie di Nalchick” (37 elementi), per la prima volta in Italia, che presenterà un programma di danze del Caucaso, caratterizzate da un folklore ricco e variegato. In mattinata, sempre del 4 agosto, le delegazioni dei tre Paesi saranno ospiti dell’Amministrazione Comunale nei locali del Museo Archeologico Lametino, per il tradizionale scambio dei doni.

E veniamo a “Cinema e Cinema”, la rassegna che prenderà il via il 10 agosto nel Cortile “F. Bevilacqua” dell’Edificio “Maggiore Perri” (con uno schermo di 12 metri e 300 posti a sedere), per concludersi nel mese di ottobre (ultima proiezione, il 30) al Teatro Comunale Grandinetti, dove saranno previste, con pellicole in 4K, anche delle matinèe per le scuole. Tra le 18 pellicole in programma, “Birdman”, “Il Racconto dei racconti - Tales of Tales”, “Il nome del figlio”, “Locke”, “Whiplash”, “L’amore bugiardo - Gone Girl”, “Interstellar”, “Anime nere”, “La teoria del tutto”, “Mi chiamo Maya”.

L’ingresso, con posti a sedere, a tutti gli spettacoli del cartellone Lamezia Summertime 2015, prevede un ticket a prezzi modici, e comunque in base allo spettacolo.

La conferenza stampa di presentazione di Lamezia Summertime 2015 è stata aperta da Nadia Aiello, Dirigente S.u.a.p. - Settore Promozione del Territorio -Servizi Demografici, che ha illustrato programma e costi del Progetto, che congloba il Lamezia Summertime 2015: otto spettacoli teatrali, 18 proiezioni cinematografiche e il Gran galà mondiale di danze popolari.

Allo stesso incontro con gli operatori dell’informazione, erano presenti: Francesco Caglioti, vicesindaco di Lamezia Terme, il quale ha evidenziato come ci “si è attivati subito, perché il Comune fosse pronto in tempi rapidi all’evento”, sottolineando “l’apertura verso tutte le associazioni territoriali per riuscire a garantire un prodotto di alto livello” e invitando la cittadinanza a partecipare a tutti gli eventi; Elisa Gullo, assessore alle politiche sociali, pari opportunità, sostegno della casa, decoro urbano, gestione del verde pubblico, cultura e pubblica istruzione, che si è augurata una “massiccia dei cittadini a questo cartellone, perché sia l’evento di tutti”; Angelo Bilotta, assessore alle attività produttive, sviluppo economico, politiche del lavoro, agricoltura, commercio, sport, turismo, spettacolo, il quale ha tenuto a sottolineare che “l’Amministrazione Comunale ha scelto di sostenere questo evento, che vede una città in festa”; Giovanna Villella, responsabile per la Comunicazione e rapporti con la stampa, di “Summertime”, che ha illustrato nei dettagli il cartellone di Lamezia Summertime 2015, ringraziando “l’Amministrazione Comunale per la solerzia con la quale si è mossa”, precisando che “su 23 Progetti regionali, il Lamezia Summertime è arrivato 6°, con punti 21,5” e concludendo che “la cultura non può essere un lusso, ma un bene che tutti ne possano usufruire, per cui abbiamo fatto di tutto per abbassare i prezzi degli spettacoli”; Ivan Falvo D'Urso, direttore artistico “Cinema e Cinema”, che ha fatto una cronistoria della sua rassegna, iniziata nel 2006; Nico Morelli e Walter Vasta, direttori artistici di <<“TeatrOltre”: il Teatro Ritrovato>>, che hanno spronato a “proseguire nell’associazionismo per aumentare le offerte lametine, presentando prodotti di un certo prestigio”; Umberto Ferrari, direttore artistico “Gente con Gente”, che ha ringraziato il Comune che “ha consentito di raggiungere l’obiettivo del 35° Galà mondiale di danze popolari, un momento magico di abbraccio fra culture diversi e popoli fratelli, nel quale dominano immagini e valori di bellezza e slancio vitale di fraternità, non separabili dai valori di libertà e dignità umana e sociale, che fanno un tutt’uno con i diritti delle persone e dei Popoli”; Pierpaolo Bonaccurso (di TeatroP), direttore artistico di <<“TeatrOltre”: Vetrina di Teatro Ragazzi>>, che ha fatto un excursus del TeatroP di Lamezia, “che già dagli inizi degli anni ’80 si è occupato del Teatro ragazzi”, rimarcando che “oggi abbiamo tre Teatri comunali, di cui Lamezia può pregiarsi” (nda, il Grandinetti, l’Umberto e il Politeama) e concludendo con la lieta notizia che “TeatrOltre lo scorso anno, invitato a Mantova, è stato inserito nelle 10 delle <>”.

Antonio Cataudo