·

Cultura e Società

Assegnati i premi dell' Associazione per Curinga - “Curinga Città del Mondo 2015 ”

Paolo Emanuele · 4 anni fa

Un suggestivo colpo d’occhio dell’anfiteatro Serra di Ciancio, gremito come nelle occasioni importanti, ha fatto da cornice alla 14* Edizione del Premio Curinga Città Del Mondo. Un’edizione consolidata nel tempo, ma sempre nuova e che sa ancora offrire spunti di riflessione anche in una calda serata d’estate in pieno clima di vacanza.

Il presidente dell’associazione per Curinga dott. Arci Giampà ha saputo organizzare l’evento in maniera encomiabile coadiuvato dal bravo giornalista Ugo Floro, che ha coordinato e presentato l’evento con scioltezza e grande professionalità.

Due le sezioni nelle quali si articola il premio; una dedicata ai curinghesi che portano lustro alla comunità nei più svariati campi: imprenditoriale, artistico, culturale, ecc. denominato “CURINGHESI NEL MONDO” per la quale è stata premiata non una singola persona ma un libro: “L’ACQUA DI GANGA’“ , che rappresenta idealmente tutti i cittadini di Curinga che hanno contribuito con le loro testimonianze vive, alla stesura di questa importantissima opera pubblicata nel 1990. Volume che è il resoconto di un mondo che stava scomparendo e di un altro nel quale le contaminazioni esterne cominciavano ad avere il sopravvento . Il lavoro fu coordinato negli anni ‘80 dagli insegnanti Palma De Vita, Giovambattista Calvieri, Pietro Monteleone e Sebastiano Augruso. Gli interventi del Prof. Pietro Monteleone e del Prof . Giovambattista Calvieri, hanno ripercorso il lavoro di raccolta e di sistemazione del grande materiale acquisito, ricordando, che ancora da quel materiale e da quei documenti raccolti oltre un quarto di secolo fa, è nato un nuovo testo “Stretta la foglia Larga la via” che raccoglie storie della tradizione orale curinghese . La bella targa, realizzata dal maestro orafo Gerardo Sacco, verrà collocata nei locali della scuola media a Curinga.

Il Premio della “CULTURA MEDITERRANEA” è stato assegnato a Mons Giuseppe Fiorillo, un nome prestigioso dell’impegno verso gli emarginati, i più poveri, di quanti cercano un riscatto sociale, culturale, economico, e vedono un mondo sempre più chiuso in se stesso. Quale responsabile territoriale per Vibo Valentia e la sua provincia dell’associazione “Libera” sempre a fianco dell’uomo con la sua dignità . Mons Giuseppe Fiorillo quasi si schernisce nel parlare di se, preferisce parlare di noi, un noi che coinvolge le tante persone che lavorano e lottano insieme a lui. Una vita segnata da tanti momenti belli, meno belli, ma con un arma invincibile la sua fede nel vangelo, che lo sostiene e lo ha sostenuto nei suoi primi 50 anni di sacerdozio.

Un prestigioso bel premio alla brava studentessa Valentina Serratore, che quest’anno si è aggiudicata la targa e una borsa di studio da 500 euro come migliore studente con le medie degli ultimi 3 anni di studio. Un augurio da parte nostra affinché i suoi progetti si realizzino come lei desidera.

Una bella serata nella quale sono intervenuti il Sindaco di Curinga Ing. Domenico Pallaria, che ha consegnato il Premio “CULTURA MEDITERRANEA” ed ha ribadito quanto l’amministrazione comunale tenga in grande considerazione quest’evento, che mette in risalto il meglio di quanto Curinga e la Calabria danno alla societa contemporanea.

Sono intervenuti inoltre ass. al comune di Vibo Valentia Ing. Bruno Cutrì e il presid. prov di Libera Giuseppe Borrello , che hanno presentato Mons. Giuseppe Fiorillo.

Presentato il calendario dell’Associazione per il 2016 quest’anno dedicato alla scuola.

Ultimo piacevole e gustoso momento della serata, la ormai classica pasta e ceci e lo spezzatino, che a mezzanotte acquista un sapore inusuale e molto particolare, anche perché innaffiati da ottimo vino rosso.

Cesar Natale Cesareo