·

Parrocchie news

CELEBRATA LA FESTA DI SAN NICOLA

Antonio Cataudo · 4 anni fa

La Santa Messa celebrata alla chiesa Matrice, poi la fiaccolata, la preghiera di benedizione e un momento di fraternità. Questi gli “ingredienti” dell’ormai tradizionale festa in onore di San Nicola, che annualmente l’omonima Associazione di Lamezia Terme, presieduta da Pino Morabito, organizza nel centro storico di Sambiase il 6 dicembre (ricorrenza di San Nicola) in collaborazione con i padri Minimi della parrocchia di “S. Francesco di Paola”. Anche quest’anno, dopo la Celebrazione Eucaristica delle 18:30 alla Matrice –Messa rientrante nel novenario all’Immacolata-, al via la fiaccolata alla volta della piazzetta San Nicola (ubicata a pochi metri dalla scuola “Fiorentino”), al cui centro campeggia la monumentale statua -1 metro e 46 centimetri, posizionata sopra una base- di San Nicola, inaugurata dal Vescovo diocesano Luigi Antonio Cantafora il 6 dicembre del 2009 (nel corso di una cerimonia, svoltasi alla presenza dell’allora sindaco di Lamezia, Gianni Speranza e di autorità cittadine civili, militari e religiose; cerimonia che ha registrato successivamente anche l’intitolazione della piazzetta a San Nicola, su proposta del sodalizio guidato da Pino Morabito, dal momento che in questo luogo in tempi antichi era ubicata la chiesa di San Nicola). Al termine della fiaccolata, omaggio floreale, preghiera al santo e benedizione finale; quindi, i fuochi d’artificio e un momento di fraternità con la degustazione delle “grispelle” e dei dolci, preparati con cura e offerti dalle signore del quartiere. Un momento di preghiera, dunque, per soffermarsi a riflettere sulla figura del santo, sottolineando l’importanza di San Nicola di Bari nella storia della Chiesa (venerato sia dalla Chiesa cattolica che da quella ortodossa), un santo che ha saputo essere voce dei poveri; tra le leggende riguardanti i miracoli da lui compiuti a favore degli ultimi, si narra che è egli “girava con dei sacchetti di denaro –si riporta un esempio ricordato dal vescovo Cantafora-, che dava a tutte quelle ragazze che, non disponendo di un patrimonio per le nozze, non potevano sposarsi in maniera dignitosa, rinunciando alla dote”. Intanto, l’associazione di Pino Morabito non si ferma alla sola ricorrenza del 6 dicembre, ma si sta già attivando per l’organizzazione dei diversi appuntamenti previsti nel 2016:l’ormai consolidata collaborazione con la rassegna “Ragazzi in gamba”, prevista per fine aprile; il concerto degli alunni dell’istituto comprensivo “Nicotera – Costabile” in Piazzetta Santa Sofia, per i primi di giugno; la manifestazione “Liriche, note e… sotto le stelle di San Lorenzo”, il 9 agosto; la sesta edizione della Festa del vino, nel mese di novembre.