·

Notizie

Lavori Chiesa di S.Maria Goretti: la Curia chiarisce la verità dopo le notizie infondate e faziose pubblicate sulla Gazzetta del Sud di oggi

redazione · 7 anni fa

In merito all’articolo apparso sulla Gazzetta del Sud di oggi giovedì 25 ottobre 2012 con il quale sono state diffuse notizie infondate e faziose sull’“effettiva” chiusura del cantiere della costruenda Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Goretti in Savutano di Lamezia Terme di cui l’impresa appaltatrice è la D’AURIA COSTRUZIONI s.r.l., la quale si è aggiudicata i lavori con regolare gara d’appalto su circa 20 imprese concorrenti, mentre committente è la Parrocchia, occorre chiarire nella verità.

E’vero che il cantiere è stato oggetto di visita ispettiva,così come altre volte nel tempo recente, ma non è stata rilevata alcuna infrazione di violazione delle norme in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro diversamente da come si legge sul giornale.

E’pur vero che sono stati rilevati 10 lavoratori in nero, che l’azienda ha immediatamente regolarizzato, e che la sospensione del cantiere era condizionata alla regolarizzazione degli stessi, per cui era stata diffidata a documentare l’adempimento entro le ore 12 del 25/10/12 e che soltanto dopo sarebbe scattata la sospensione, trattandosi di fatto amministrativo.

Per cui la notizia apparsa sul giornale non è veritiera e ci è doveroso richiamarne e sottolinearne la sua assoluta infondatezza in quanto il cantiere non solo non è stato mai chiuso ma continua a rimanere aperto e operativo.

Questa Curia, sente, quindi, il dovere di fare luce sulla vicenda. E’vero che, in seguito a denuncia di qualcuno, spinto, ci auguriamo, da un evidente zelo per la giustizia” (che però non rimane tale quando sceglie di non farlo alla luce del sole!), il cantiere ha ricevuto la visita ispettiva da parte della Direzione Territoriale di Catanzaro in seguito alla quale (in quel momento e solo in quel momento, visto che il cantiere aveva, nel tempo, ricevuto già altre continue visite andate sempre a buon fine nel senso che su diciotto operai controllati nessuno è mai risultato non a posto e per questo si possono tranquillamente leggerne i verbali), sono stati, purtroppo, trovati a lavorare dieci operai non regolarmente assunti ma presenti sul cantiere in quanto turnisti (intonacatori) presenti da un giorno e in attesa di essere assunti regolarmente come gli altri per la specifica lavorazione che stava per iniziare (tutti gli altri 18, che normalmente portano avanti il cantiere sono regolarmente assunti e, conseguentemente, regolarmente pagati e denunciati agli enti preposti vedi il DURC aggiornato al 16 ottobre 2012). . Risultato dell’ispezione, giustamente, è stata una sanzione pecuniaria inflitta all’impresa di costruzioni e da questa subito pagata dall’imprenditore ( che normalmente assume regolarmente e retribuisce i suoi operai come ci risulta dai Bonifici bancari mensilmente esibiti dall’Impresa relativi alle retribuzioni di ogni singolo operaio e ai loro contributi previdenziali) e la possibilità di chiusura del cantiere qualora lo stesso imprenditore, il Geometra D’Auria amministratore, non avesse messo in regola i suoi operai, cosa che lo stesso Amministratore ha provveduto tempestivamente a fare scongiurando così la paventata chiusura del cantiere e la possibilità, per lui, di non avere operai in nero. Approfittiamo di questa circostanza per chiarire anche che la sistemazione dell’Aerea individuata per l’accoglienza del Santo Padre Benedetto XVI il 9 ottobre 2011, è stata regolarmente appaltata dal Comune di Lamezia Terme e non da questa Curia Vescovile.

Curia Vescovile di Lamezia Terme – Ufficio per le Comunicazioni Sociali