·

Cultura e Società

Il coro Aulos, orgoglio calabrese e non solo, il 17 dicembre si esibirà alla Camera La Polifonica (nata il 1999) sarà diretta dal M° Rosa D’Audino

Paolo Emanuele · 7 anni fa

Nel salotto adiacente la sala Napolitano del Comune di Lamezia, si è svolta la conferenza stampa di presentazione per la partecipazione del coro “Aulos”, diretto dal M° Rosa D’Audino, al “Concerto di Natale dei cori di montagna” della Camera dei Deputati, che si terrà a Roma il 17 dicembre e sarà preceduto dal saluto del Presidente dell’Assemblea di Montecitorio, Gianfranco Fini. Alla conferenza stampa hanno partecipato: il Sindaco Gianni Speranza e il suo Vice Francesco Cicione, assieme agli assessori Giusi Crimi e Anna Maione; l’On. Mario Tassone; il direttore della Polifonica Aulos, M° Rosa D’Audino (in sala c’era una rappresentanza di corsiti); e Vincenzo Ruberto, Presidente delle Pro loco (Unpli) della Provincia di Catanzaro, che ha moderato l’incontro.

All’inizio del quale ha subito spiegato come si è giunti a quest’evento. “Il concerto –ha detto Vincenzo Ruberto- è stato organizzato dall’Associazione , sodalizio di cui fa parte l’On. Mario Tassone, incaricato dall’On. Erminio Quartiani di far partecipare un coro calabrese.

Tassone ha interpellato me, che mi sono messo in contatto col vice sindaco di Lamezia Francesco Cicione e abbiamo deciso di chiamare la Polifonica Aulos”. Ruberto ha poi sottolineato che “è la seconda volta che nella storia dei concerti alla Camera, partecipa un coro Calabrese. E ritengo che portare all’attenzione della Città un evento del genere è un qualcosa di storico; e mi auguro che per la nostra Città possa essere una di quelle occasioni per riscattarci da troppe apparizioni negative. Per il 17 dicembre –ha concluso il presidente delle Pro loco della Provincia di Catanzaro- sensibilizzeremo i deputati lametini, ma calabresi”.

Ha poi preso la parola il vice sindaco di Lamezia, Cicione, il quale ha rimarcato che l’evento, al quale lui presenzierà, è significativo, “perché in un luogo della democrazia si esprime bellezza. E la Polifonica Aulos –ha aggiunto-, oltre a coltivare la bellezza, coltiva la democrazia che negli anni ha saputo costruire un qualcosa di bello per il territorio… Ed è bello anche –ha concluso Francesco Cicione- che a fare da padrone di casa sia Mario Tassone”.

A seguire, l’On Tassone si è detto soddisfatto per quest’evento, “che alla Camera si rinnova ogni anno da tantissimi anni e che valorizza la città di Lamezia Terme, che va a rappresentare tutta la Calabria. Questo è un momento di grande cultura, di grande messaggio –ha aggiunto Tassone-. E noi abbiamo cultura da vendere. E la criminalità organizzata si combatte con la cultura, la passione per la propria terra, il non fermarsi. Non ci può essere una memoria storica senza futuro. In quell’Aula (nda, l’Assemblea di Montecitorio) ho sentito dire sempre in negativo della Calabria; e allora –ha concluso Mario Tassone- possiamo far recepire questo messaggio forte con la Polifonica Aulos”.

La parola è quindi passata al direttore della Polifonica, Rosa D’Audino: “ciò che mi fa andare avanti e la passione –ha sottolineato il maestro-; e nei coristi c’è tanta passione. Loro non sono professionisti, ma amatoriali, che la sera si ritrovano per condividere questa passione. E sono circa 13 anni che siamo presenti sul territorio lametino”.

La “Polifonica Aulos”, infatti, nasce sotto la sua direzione di Rosa D’Audino nel 1999; ma lei già da 4 anni lavorava con Cori Polifonici e Cori di Voci Bianche in qualità di Direttore, ricevendo numerosi riconoscimenti in Concerti e Rassegne Musicali in tutta la Penisola. Diplomata in pianoforte presso il Conservatorio di Cosenza, la D’Audino ha conseguito il Diploma di Didattica della Musica presso lo stesso Conservatorio della città dei Bruzi.

Tra le tante manifestazioni a cui la “Polifonica Aulos” ha preso parte è doveroso citare: il concerto nella sala “Paolo VI” del Vaticano, alla presenza del Santo Padre Giovanni Paolo II; l’esibizione a Palazzo Vecchio in quel di Firenze; la partecipazione alla Messa Solenne nella Basilica di S. Pietro in Vaticano. Ancora, nel 2008 la Polifonica ha incantato il Teatro Grandinetti di Lamezia con il recital “Omaggio a San Francesco di Paola” (a chiusura dei 500 anni dalla morte del Taumaturgo calabrese) con voce narrante Orazio Coclite (nda, lametino, giornalista, redattore speaker della Radio Vaticana, collaboratore del Centro televisivo Vaticano, del TG1-RAI per le Messe del Papa e dal 1994 commentatore della “Via Crucis” presieduta dal Sommo Pontefice, in mondovisione dal Colosseo in Roma). Polifonica Aulos di nuovo protagonista al Grandinetti nel 2011, in una serata memorabile, con la Corale del M° D’Audino impeccabile nell’esibizione per il 150° dell’unità d’Italia. Sempre nel 2011 la Polifonica è stata in Spagna per un progetto europeo.

Il repertorio dell’Aulos spazia dalla musica sacra ai gospel e spiritual, dal musical all’operetta e, infine, a brani di grandi compositori calabresi di tutti i tempi. “Ma il prossimo 17 dicembre alla Camera dei Deputati –come ha spiegato in conferenza stampa di presentazione dell’evento il M° Rosa D’Audino-, in qualità di Coro rappresentante la regione Calabria eseguiremo due brani calabresi a cappella, senza accompagnamento musicale: , brano scelto perché si è in clima natalizio e la , perché ci è stato esplicitamente chiesto di portare nostri brani; in più –ha aggiunto Rosa D’Audino-, insieme con gli altri cori di altre regioni della Penisola eseguiremo l’Inno di Mameli all’inizio e alla fine del concerto… Per noi, tutto questo è una sfida ed è un orgoglio”. Il maestro, nel ringraziare “tutto coloro che ci hanno voluto come coro a rappresentare la Calabria”, ha dichiarato: “è un orgoglio essere stati scelti per farvi i nostri auguri di Buon Natale dalla Camera; in questo tempo di Avvento, tutto ciò assume una valenza particolare, giacché la musica possiede la magica proprietà di penetrare direttamente e immediatamente l’animo umano”.

A chiudere la conferenza stampa, Gianni Speranza, sindaco di Lamezia, Comune che patrocinerà l’evento. “E’una bella occasione questa partecipazione del Coro Aulos alla Camera dei Deputati; e lo è, oltre che per i diretti interessati, per tutta la comunità lametina –ha detto il Primo cittadino-. In quest’evento, dove spero di poter esserci, noi vorremmo essere più città, vorremmo essere considerati i talenti che abbiamo. In questo concerto del 17 dicembre –ancora il sindaco-, si esprimono tanti sogni. Abbiamo fatto tante cose belle in questi anni”. Il sindaco Speranza, infine, ha augurato all’Aulos “ con l’auspicio di vedervi all’Onu, al Parlamento Europeo, etc.”.

Intanto, alla Polifonica Aulos e al suo direttore Rosa D’Audino, auguriamo anche noi di una brillante esecuzione il 17 dicembre alla Camera dei Deputati.