·

Cultura e Società

Lameziaeuropa e 24 imprese insieme per il Cluster energetico dell’area industriale di Lamezia Terme

Paolo Emanuele · 6 anni fa

Lameziaeuropa e 24 imprese insieme per il Cluster energetico dell’area industriale di Lamezia Terme. In linea con gli obiettivi e le azioni del Cluster il bando MISE da 100 milioni di euro per l’efficienza energetica anche per le PMI Calabresi operativo dal 23 aprile e la riduzione del 10% della bolletta per le imprese attuata dal governo Renzi. Definire una strategia comune mirata a realizzare una Smart Area ad alta efficienza energetica, garantire nel tempo l’autonomia energetica dell’area industriale di Lamezia Terme, promuovere interventi ed azioni condivise al fine di abbattere i costi energetici per le imprese, favorire ed incentivare lo sviluppo sostenibile dell’area mediante la riduzione dei consumi energetici, l’efficientamento energetico nei processi organizzativi e produttivi delle imprese insediate e l’utilizzazione di energia pulita prodotta da fonti rinnovabili. Sono questi gli obiettivi strategici condivisi da Lameziaeuropa e da 24 società che, al termine della prima fase del progetto “Creare e rafforzare Reti e Cluster d’Impresa in Calabria” avviato nel novembre 2013 in collaborazione con Unioncamere Calabria e con il supporto tecnico della Dintec società di riferimento per l’innovazione tecnologica del sistema camerale nazionale, ha portato nei giorni scorsi alla costituzione del Cluster Energetico dell’Area Industriale di Lamezia Terme.

Oltre a Lameziaeuropa spa hanno già aderito al Cluster le seguenti società: Distretto Matelios, Gatim srl, Petrone Logistica srl, Forgest srl, Mercuri srl, Deca srl, Eolosolare srl, Econet srl, Ecosistem srl, Paradiso Depositi srl, Multidrink srl, Cofer srl, Mantella srl, Francesco Arpaia srl, Omniabus spa, Cooperativa Ciarapani, Oro di Calabria sas, Rotoplastic srl, Axil Cucina srl, AIDI Associazioni Italiana di Illuminazione, Silagum srl, Eurobed srl, Meca spa, Stiltrasporti srl. “A nome della Lameziaeuropa spa – hanno detto il presidente Marcello Gaglioti ed il dirigente Tullio Rispoli - ringraziamo Unioncamere Calabria e Dintec per aver selezionato e supportato tecnicamente la proposta avanzata dalla società anche in qualità di agenzia di sviluppo locale e gli imprenditori dell’area ed i responsabili tecnici delle società che hanno già aderito con interesse ed entusiasmo al Cluster a conferma che si può lavorare insieme ed attivare processi di sviluppo condivisi su tematiche di particolare importanza per le imprese. Dopo la realizzazione degli audit tecnologici presso le imprese protagoniste del cluster le prossime tappe operative del progetto saranno la formale costituzione di una Rete fra le Imprese mediante la sottoscrizione di uno specifico Contratto di Rete e la definizione di una proposta di Contratto di Investimento da presentare alla Regione Calabria a valere sui fondi legati alla nuova programmazione comunitaria. La riduzione del 10% del costo della bolletta energetica per le imprese prevista dal Governo Renzi e l’avvio dal prossimo 23 aprile del bando del MISE che prevede anche per le imprese calabresi 100 milioni di euro per l’efficienza energetica rappresentano dei primi segnali concreti che vanno nella giusta direzione e sono in linea con gli obiettivi e le azioni individuate dal Cluster”. Il 19 marzo scorso infatti è stato firmato il decreto del Direttore Generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello Sviluppo Economico con cui sono stati individuati i termini e le modalità di presentazione delle domande per l’accesso ai finanziamenti agevolati pari a 100 milioni di euro previsti dal Decreto Ministeriale del 5 dicembre 2013 a favore delle imprese localizzate nelle Regioni dell’Obiettivo Convergenza Calabria, Campania, Puglia e Sicilia per la promozione dell’efficienza energetica in attuazione del POI Energie Rinnovabili e risparmio energetico FESR 2007 – 2013. Le domande di agevolazione potranno essere presentate a partire dalle ore 10 del prossimo 23 aprile. Le agevolazioni saranno concesse attraverso una procedura di selezione a sportello e mediante un finanziamento agevolato senza interessi fino ad un massimo del 75% del programma d’investimento con ammortamento a 10 anni dal completamento degli investimenti L’obiettivo è rafforzare la competitività territoriale e per lo scopo sono stati stanziati 100 milioni di euro di cui il 60% riservato ai programmi proposti da micro, piccole o medie imprese e finalizzati alla riduzione e razionalizzazione dell’energia primaria utilizzata nei cicli di lavorazione o di erogazione dei servizi svolti all’interno delle unità produttive delle aree interessate. I programmi d’investimento finanziabili dal bando Efficienza Energetica devono avere un valore compreso non inferiore a 30.000 euro e non superiore a 3 milioni di euro. Le tipologie di intervento che possono essere ammesse a finanziamento sono: isolamento termico degli edifici al cui interno sono svolte le attività economiche, la razionalizzazione, efficientamento e/o sostituzione dei sistemi di riscaldamento, condizionamento, alimentazione elettrica ed illuminazione anche se impiegati nei cicli di lavorazione funzionali alla riduzione dei consumi energetici ( building automation, motori a basso consumo, rifasamento elettrico dei motori, installazione di inverter, sistemi per il monitoraggio e gestione dei consumi energetici), installazione di impianti ed attrezzature funzionali al contenimento dei consumi energetici nei cicli di lavorazione e/o di erogazione dei servizi, installazione per la sola finalità di autoconsumo, di impianti per la produzione e la distribuzione dell’energia termica ed elettrica all’interno dell’unità produttiva oggetto del programma d’investimento.